Digital Marketing,  Crescita Personale

Cos’è il SEM???

Nell’articolo di oggi parleremo di SEM: cos’è e quali sono le sue funzioni principali al fine di poter raggiungere un numero sempre maggiore di utenza all’interno del proprio sito web.

SEM: definizione

Il termine SEM è l’acronimo inglese di Search Engine Marketing e racchiude tutte quelle attività che permettono di comprare degli spazi pubblicitari all’interno dei motori di ricerca.
In altre parole, il SEM non è altro che la pubblicità che troviamo sui motori di ricerca.

SEM
SEM: Search Engine Marketing

Facciamo un esempio pratico. Se noi effettuiamo una ricerca su un motore di ricerca, noteremo che sono presenti varie sezioni che propongono varie opzioni. La maggior parte di questi risultati, sono stati selezionati in base alla formula organica del motore di ricerca, ovvero tutti quelli non a pagamento e che sono considerati come le soluzioni più pertinenti (se vuoi approfondire questo argomento, clicca qui).
Le altre sezioni, invece, sono gli annunci, posizionati solitamente in alto a destra della pagina. Questi completano la pagina dei risultati di ricerca, con l’obiettivo ultimo di aiutare gli utenti a trovare quello che stanno cercando.

Lo scopo è, quindi, quello di inserire annunci mirati a potenziali utenti quando cercano certi termini e frasi rilevanti per la tua attività, ovvero le nostre parole chiave.

Come funziona il SEM??

Il SEM si basa su sistema di aste: ogni volta che qualcuno fa una ricerca gli inserzionisti competono per avere l’opportunità di mostrare i propri annunci. Il tutto avviene nel giro di pochi millisecondi e l’utente finale non ne vede i dettagli, ma visualizza solo i risultati migliori, cioè gli annunci che compaiono sulla pagina.

In generale, i motori di ricerca mettono a disposizione un numero limitato di aree dedicate agli annunci per ciascuna pagina ed è per questo che gli inserzionisti devono competere per conquistarsi le aree in questione.
In linea generale, gli annunci vincenti occupano le aree più visibili all’utente sulla pagina dei risultati, solitamente in alto, mentre i secondi classificati compaiono nelle aree più in basso.

Ma come fanno i motori di ricerca a decidere chi è il migliore?
I principali fattori sono:

  • L’offerta: ovvero l’importo massimo che un inserzionista è disposto a pagare per un click sull’annuncio. Ciò significa che se per esempio un inserzionista offre €2 per una parola chiave, quello è l’importo massimo che pagherà per un singolo click
  • La qualità: ovvero la pertinenza di una determinata parola chiave rispetto alla ricerca effettuata. Solitamente questo aspetto viene misurato su una scala da 1 a 10

Un altro fattore importante da considerare è che il sistema del SEM si basa sul pay per click: in parole semplici, se l’annuncio viene mostrato ma nessun utente ci clicca sopra, l’inserzionista non pagherà niente.

Ciò significa che idealmente, l’offerta dovrebbe corrispondere al valore che la parola chiave ha per la tua attività. Di conseguenza, alcuni inserzionisti potrebbero essere disposti a offrire 50 centesimi per una parola chiave mentre altri anche €10. Come abbiamo detto però, i motori di ricerca considerano non solo l’offerta ma anche la qualità. Anzi può succedere che, indipendentemente dall’offerta, per quanto possa essere alta, un motore di ricerca non mostri un annuncio se considerato non pertinente.

Facciamo un esempio pratico, prendendo ad esempio il mio sito Diario di un Futuro Ricco:
Noto che la mia attività e i miei articoli hanno un discreto successo, ma per aumentare il flusso delle mie utenze, decido di investire in una campagna SEM su un motore di ricerca. Diciamo che sono disposto a spendere fino ad un massimo di €2 per ogni utente che farà click sulla parola chiave che ho scelto ovvero “blog crescita personale“. Di conseguenza i miei concorrenti all’asta, che hanno un vorrebbero spendere massimo €1 per click si troveranno in una posizione svantaggiata rispetto a me.

Ma come ho detto, non basta l’offerta per vincere un’asta; è importante tenere presenta la qualità e la pertinenza delle parole chiave rispetto alla ricerca degli utenti. Di conseguenza se un utente digita “articoli per la crescita personale“, la mia parola chiave risulterà molto pertinente e otterrò un punteggio qualità alto; al contrario se la ricerca fosse “libri per la crescita personale” il mio annuncio non sarebbe in linea in quanto la mia parola chiave non si riferisce nello specifico ai libri; di conseguenza il mio punteggio qualità sarebbe molto basso.

In linea generale, considera che quando due attività concorrenti hanno prezzi di offerte uguali, l’attività con il punteggio di qualità migliore comparirà nella posizione più alta all’interno della pagina dei risultati. Scegli, quindi, attentamente le parole chiave sulle quali desideri avviare la campagna e non basarti solo sul proporre un’offerta alta.

Uno dei metodi più efficaci per far sì che una campagna SEM funzioni è quello di monitorare costantemente le campagne per capire come migliorare la pertinenza delle parole chiave.

In conclusione, gli annunci a pagamento sono un ottimo modo per promuovere la propria attività o i propri servizi sulle pagine dei risultati di un motore di ricerca.

Con una campagna pubblicitaria associata alla ricerca ben progettata puoi raggiungere i potenziali nuovi utenti nel momento stesso in cui stanno cercando ciò che offri. Si tratta quindi di un’utenza realmente interessata a ciò che proponi ed è quindi probabile che in futuro faccia più visite al tuo sito web per non perdersi nessuna novità.

Nelle prossime settimane, verrà pubblicato un articolo dove vi andremo a spiegare come strutturare, nell’atto pratico, una campagna SEM vincente.

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento e continua a seguire il blog e la pagina Instagram del “Diario di un Futuro Ricco” per non perderti nuovi articoli e diventare anche tu un #futuroricco

Laureata in Mediazione Linguistica e Culturale, da sempre avida lettrice e dedita allo studio. Da quando ha scoperto la passione per il Digital Marketing, non passa un giorno senza leggere e studiare questo argomento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: