Economia Semplice

I Dividendi

Bentornati su Economia Semplice, dopo aver parlato delle Obbligazioni, oggi affronteremo un altro tema strettamente collegato alle Azioni, ovvero i Dividendi.
Quindi vediamo insieme di capire:
– Cosa sono i Dividendi?
– Quanti tipi di Dividendi esistono?
– I Dividendi sono garantiti?

– Come vengono calcolati?
– Perchè le Aziende distribuiscono Dividendi?
– Cosa è il rendimento dei Dividendi?

Scopriamolo insieme in questo articolo.

Dividendi

Cosa sono i Dividendi?

I dividendi sono una quota dell’utile di una società che questa sceglie di restituire ai propri azionisti. Di solito viene corrisposta semestralmente o annualmente (più raramente trimestralmente, soprattutto in Italia), è una sorta di bonus per gli investitori.
I dividendi vengono pagati in base alla quantità di azioni che un investitore possiede, ad esempio: se il dividendo è di 50 centesimi l’anno e l’azionista possiede 100 azioni, per l’anno in questione riceverà €50.

dividendi sono un modo per gli azionisti di partecipare e di condividere la crescita del business, al di là dell’apprezzamento del prezzo delle azioni.
Questa condivisione della ricchezza può avvenire in due modi: dividendi “in contanti” o dividendi “in azioni”.

In Italia, per esempio, la maggior parte dei dividendi viene corrisposta come “dividendi in contanti“, ovvero pagamenti in contanti effettuati sulla base delle azioni possedute dagli investitori.
I dividendi azionari rappresentano invece un aumento percentuale del numero di azioni possedute. Se un investitore possiede 100 azioni e la società emette un dividendo azionario del 10%, quell’investitore avrà 110 azioni dopo l’erogazione del dividendo.

I dividendi sono incentivi interessanti per gli azionisti, poiché li rassicurano del fatto che la società su cui hanno investito è redditizia e che ci sono buone possibilità di guadagni futuri, ma non tutte le società pagano dividendi, alcune scelgono infatti di reinvestire gli utili nell’impresa. Questo è il motivo per cui gli investitori interessati al pagamento dei dividendi, devono esplicitamente scegliere le società che li offrono.

Quanti tipi di Dividendi esistono?

Esistono diversi tipi di dividendi. Oltre ai dividendi ordinari, esistono anche quelli straordinari e dividendi da azioni privilegiate, anche se non sono molto diffusi.

  • Dividendi Ordinari: vengono pagati sulle azioni ordinarie e sono quelli più diffusi.
  • Dividendi Straordinari: sono simili ai dividendi ordinari perché vengono pagati sulle azioni ordinarie. Tuttavia, questi vengono corrisposti solo quando una società vuole distribuire i profitti accumulati dopo un certo numero di anni.
  • Dividendi da Azioni Privilegiate: sono quelli emessi a favore degli azionisti che possiedono azioni ‘privilegiate’, ossia azioni titoli che agiscono più come un’obbligazione e offrono un dividendo fisso. Questi dividendi hanno la priorità rispetto ai dividendi ordinari.

Mentre la maggior parte delle società paga dividendi sul conto dell’azionista in contanti, alcune società scelgono di pagare dividendi sotto forma di patrimonio immobiliare o azioni.

I dividendi vengono determinati e gestiti dal consiglio di amministrazione di una società. Gli azionisti devono tuttavia approvare il pagamento di dividendi prima che sia ufficialmente confermato da un annuncio. Solo gli investitori che possiedono le azioni nei tempi utili per il pagamento riceveranno i dividendi.

I Dividendi sono garantiti?

I dividendi non sono affatto garantiti.
Sono a “discrezione del consiglio di amministrazione”, che effettuerà delle proposte all’assemblea degli azionisti. A differenza di un’obbligazione, che deve pagare una somma di denaro contrattualmente stabilita o finire in default, il consiglio di amministrazione può decidere di ridurre il dividendo o addirittura eliminarlo in qualsiasi momento.

Come vengono calcolati?

Per calcolare il dividendo che ci spetta, dobbiamo avere principalmente due elementi: Il DPS e il nostro numero di azioni.

  • Il numero di azioni possedute, può essere ottenuto anche solo contattando la propria banca, il proprio broker o controllando il resoconto inviato agli investitori a cadenza regolare.
  • Una volta calcolato il numero esatto di azioni possedute bisogna conoscere il DPS, ossia il dividendo per azione che la società ha deciso di pagare ai suoi investitori.
  • Una volta ottenuti questi numeri sarà possibile procedere al calcolo della retribuzione spettante agli investitori.

Ad esempio: se posseggo 2.000 azioni della compagnia X la cui assemblea dei soci ha deciso di pagare un DPS di 0,50 euro, dovrò moltiplicare il numero delle azioni che posseggo e il DPS stabilito dall’assemblea dei soci ottenendo in questo esempio un Dividendo di 1000 €

Dividendi - Calcolo del Dividendo
Calcolo del Dividendo

Perché le aziende distribuiscono Dividendi?

La risposta a questa domanda è estremamente semplice:
Le azioni che pagano un dividendo sono viste in maniera positiva.
Di conseguenza, pagare i dividendi, inviterà gli investitori ad investire in quelle azioni, oltre ad alimentare e mantenere la fiducia degli investitori stessi.

Generalmente, le società pagano i dividendi quando vengono maturati utili, ovvero quando rimangono dei soldi dopo aver coperto le spese operative e il reinvestimento nel proprio business.
Ecco perché le società mature, che richiedono meno reinvestimenti di capitale, hanno maggiori probabilità di pagare un dividendo.

Quando una società smette di pagare dividendi, ciò può essere visto dagli investitori come un segnale che la società in questione è in difficoltà.
Il taglio del dividendo, potrebbe indicare che la società sta cercando altri modi per incrementare i profitti per gli azionisti nel lungo periodo.
D’altra parte, quando una società paga i dividendi, potrebbe non avere altre vie per generare rendimenti, motivo per cui non reinveste il capitale.

Un modo per misurare la garanzia di ricevere un dividendo è quello di controllare la parte di profitto che la società destina al pagamento del dividendo. Una società potrebbe non essere in grado di utilizzare una percentuale elevata del proprio utile netto per il pagamento di dividendi. Questo dovrebbe essere visto come un segnale di avvertimento: il titolo potrebbe essere in difficoltà.

Cosa è il rendimento dei Dividendi?

Il rendimento dei dividendi è un rapporto, espresso in percentuale, che misura i dividendi annuali di una società rispetto al prezzo delle azioni.
Se, ad esempio, una società con un’azione del valore di €5 paga un dividendo annuale di 20 centesimi, il rendimento dei dividendi è del 4% (20 centesimi/€5).
Bisognerebbe sempre confrontare il rendimento dei dividendi della società a cui siamo interessati rispetto a quello dei concorrenti dello stesso settore, in quanto un rendimento elevato potrebbe indicare un prezzo delle azioni debole e pagamenti di dividendi non sostenibili.

Il rendimento dei dividendi aumenta se la società incrementa l’importo del dividendo o se il prezzo dell’azione diminuisce.
Al contrario, il rendimento può diminuire se la società abbassa l’importo del dividendo o se il prezzo delle azioni sale.

Come funziona il Rendimento

Adesso abbiamo scoperto cosa sono i Dividendi e perchè sono così importanti quando scegliamo su quali azioni investire. Quindi adesso quando sentirai parlare di dividendi e che sono l’unica cosa da guardare quando si sceglie delle società, saprai cosa rispondere.

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento e continua a seguire il blog e le pagine Instagram e Facebook del “Diario di un Futuro Ricco” per non perderti nuovi articoli e diventare anche tu un #futuroricco.

Fonti:
borsainside.com
Money.it
ig.com

Fondatore ed ideatore di questo blog. Aspirante life e business coach, appassionato di Scrittura, Economia e Finanza. Ha cominciato a scrivere prima ancora di imparare a parlare ed ama motivare gli altri a trovare la loro strada ed inseguire i loro sogni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: