Digital Marketing,  Il Diario Di Un Futuro Ricco

Quanto spendono i Politici italiani su Facebook?

In questo periodo con Valentina, stiamo seguendo un corso gratuito di Luca La Mesa sul Social Media Marketing. In una delle sue lezioni, ci viene mostrato una slide dove viene raffigurata la spesa effettuata da un politico italiano per le sponsorizzazioni su Facebook.

Questo dato colpisce molto, perché oltre alla spesa effettuata , che vedremo tra poco, spinge a riflettere su quanto anche la politica sia influenzata dai social media.
Quando un politico decide di investire dei soldi in una campagna sui social media, lo fa perché è sicuro di avere un ritorno in visibilità da questa operazione. Da qui, l’idea per questo articolo dove andremo a vedere tra i principali politici italiani chi ha speso di più e in quali post.

Tutte le cifre che vedremo sono delle stime e non valori precisi, ad esempio, se vediamo che ha speso 100 € per una campagna, è probabile che ne abbia spesi un po’ di meno o un po’ di più.

Tutti questi dati sono tranquillamente visibili da tutti andando nelle pagine Facebook della persona interessata (deve essere una pagina pubblica, non un profilo privato), e cliccando nella sezione “Trasparenza della Pagina”.

Giuseppe Conte: Presidente del Consiglio dei Ministri

Vorrei partire dall’attuale presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte, figura che ormai conosciamo tutti in quanto è la facciata dell’attuale governo nella lotta contro il Coronavirus.
Non voglio entrare nel merito se il lavoro che stia facendo sia buono o meno.
Adesso vediamo qualche informazioni sulla pagina. Attualmente è gestita da 8 persone provenienti dall’Italia e non ha mai fatto inserzioni a pagamento.

Pagina Facebbok: Giuseppe Conte
Pagina Facebook: Giuseppe Conte

Matteo Salvini: Senatore e Leader della Lega

Matteo Salvini è a capo del primo partito politico in Italia ed è abbastanza conosciuto per la sua presenza sui social network. Adesso vediamo nel dettaglio se e quanti soldi ha speso nelle inserzioni pubblicitarie su Facebook.

Trasparenza della pagina Facebook: Matteo Salvini
Trasparenza della pagina Facebook: Matteo Salvini

Come possiamo vedere dall’immagine, la pagina Facebook di Matteo Salvini viene gestita in totale da 42 persone, di cui 41 in Italia e 1 in Svizzera. Ed al momento della stesura dell’articolo ovvero alle 11:00 del 30/04/2020 ha all’attivo delle inserzioni.

Pagina Facebook: Matteo Salvini
Pagina Facebook: Matteo Salvini

Emerge che la pagina Facebook ha speso un totale di 255’112€ in inserzioni da marzo 2019 alla data attuale, e 1646 € solo negli ultimi 7 giorni. Che dire una cifra notevole, ma se è stata una spesa una cifra del genere secondo voi lo ha fatto a fondo perduto oppure sapeva che avrebbe avuto un ritorno? A voi le conclusioni.

Adesso prendiamo in analisi l’ultima inserzione che ha fatto:

Ultima inserzione a pagamento della pagina Facebook: Matteo Salvini
Ultima inserzione a pagamento della pagina Facebook: Matteo Salvini

Ha creato un’inserzione riguardante delle persone che hanno organizzato un “corteo” durante la festa della liberazione, anche se essendo in quarantena, non sarebbe stata permessa una cosa del genere.
Anche qua vi invito a non fermarvi al proprio pensiero personale sulla questione, ma cerchiamo di analizzare soltanto l’inserzione in sé.

Lo scopo di questa è facilmente intuibile, punta a creare delle emozioni, più nello specifico un senso di rabbia e frustrazione verso le persone con una ideologia politiche diverse dalla sua, che stanno facendo un qualcosa di sbagliato. Ed ha ritenuto che creare un’inserzione del genere fosse per lui molto vantaggiosa ed ha speso un cifra compresa tra i 1500 e i 2000€ divisi in 3 giorni ,ed ha ottenuto una copertura di circa 1 milione di persone.

Il target di riferimento sono le persone con un età compresa tra i 35 e i 64 anni con un buon bilanciamento tra pubblico maschile e femminile, infatti la percentuale delle persone con età inferiore o superiore alla fascia di prima, è al di sotto del 10%.
E’ evidente che dalla sua campagna abbia volontariamente escluso le persone minorenni, in quanto non hanno il diritto di voto. Per quanto riguarda la localizzazione del pubblico, ha puntato prevalentemente al Nord Italia andando a scendere verso il centro.

Partito Democratico

Adesso parliamo del secondo partito politico in Italia, il Partito Democratico. Ho scelto di analizzare l’intero partito e non il singolo leader, in quanto Nicola Zingaretti non è ancora il volto associato al partito politico, nella stessa maniera in cui lo sono Matteo Salvini e Giorgia Meloni.
Quindi non sarebbe stato corretto paragonare solo lui.

Trasparenza della pagina Facebook: Partito Democratico
Trasparenza della pagina Facebook: Partito Democratico

La pagina Facebook del Partito Democratico è amministrata da un totale di 37 persone: 34 dall’Italia, 1 dal Belgio, 1 dai Paesi Bassi, 1 dagli Stati Uniti. Anche questa pagina ha all’attivo una inserzione.

Pagina Facebook: Partito Democratico
Pagina Facebook: Partito Democratico

Dall’immagine di sopra possiamo vedere che nel periodo tra maggio 2019 e aprile 2020, il partito ha speso 153’265€ in inserzioni. Una cifra sempre molto alta e a fine articolo vedremo di cercare una correlazione tra queste cifre e i partiti politici.

Adesso andiamo a vedere la sua ultima inserzione

Inserzione Pagina Facebook: Partito Democratico
Inserzione Pagina Facebook: Partito Democratico

Ci troviamo in uno scenario totalmente diverse rispetto a quello analizzato prima. Abbiamo un budget molto più ridotto, meno di 100€, e di conseguenza un impression molto ridotta “appena” 20’000 persone massime.
Ma andiamo ad analizzare il target, sono state scelte per la maggior parte le persone over 65, un dato ricorrente nelle inserzioni di questa pagina.
Da ciò deduciamo che molto probabilmente gli elettori del partito rientrano in questa fascia di età, perciò le inserzioni sono più mirate verso questo pubblico senza troppa distinzione del luogo di provenienza.

MoVimento 5 Stelle

Non ho potuto fare un analisi del capo politico del partito Vito Crimi, in quanto è entrato da poco a ricoprire questa carica e non ci sono stati casi dove ci fosse la necessità di fare campagna politica verso la sua persona. Attualmente non è ancora associato al partito, discorso molto differente da Matteo Salvini e Giorgia Meloni, quindi l’inserzioni sono più vantaggiose se mostrate dal partito stesso.

Trasparenza della pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle
Trasparenza della pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle

La pagina del Movimento 5 Stelle è gestita da un totale di 33 persone, 31 italiane e 2 provenienti dal Belgio e non ha inserzioni attive.

Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle
Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle

La pagina ha speso un totale di 50’000 € (perdonate l’arrotondamento) per le sue inserzioni pubblicitarie, è curioso notare che più si va a fondo nell’analisi e più ci rendiamo conto che effettivamente per i politici c’è largo uso dei social media per promuoversi.

Come negli altri esempi, andiamo a vedere le ultime inserzioni anche se in questo caso abbiamo una situazione totalmente diversa.

Inserzioni della Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle
Inserzioni della Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle

Le ultime inserzioni risalgono a maggio 2019 e come potete notare sono state pubblicate tutte e tre lo stesso giorno, ed è stato usato lo stesso budget per tutte e tre.
Come potete vedere, ognuna di esse ha raggiunto un numero di persone differenti.

Inserzione della Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle
Inserzione della Pagina Facebook: MoVimento 5 Stelle

Nella prima inserzione sono state raggiunte circa 680’000 persone, ma voglio farvi notare il target d’età: l’annuncio infatti è stata mostrato solo alle persone over 45. Secondo voi perché hanno fatto questa scelta?
Semplice, il reddito di cittadinanza è una misura che ha raggiunto principalmente quella fascia di età.
Quindi andare a fare una sponsorizzazione per convincere le persone a votare per loro, è più efficace se fatta per le persone che potrebbero trarre un vantaggio dalle loro misure economiche.
E’ curioso anche notare che hanno scelto una prevalenza di pubblico femminile per questa inserzione, mentre su altre vediamo una prevalenza sul pubblico maschile.

Adesso analizziamo le altre due inserzioni, stesso budget, stesso target e stesso progetto ma una ha raggiunto 100’000 persone in più.
La risposta al perché una ha raggiunto molte più persone va ricercata nelle parole utilizzate.
Nella prima si può notare un linguaggio che punta a far ricordare alle persone le cose che hanno fatto loro e fa delle rassicurazioni su ciò che faranno, nella seconda invece puntano sulla storia del partito cercando di spingere le persone a scegliere il “nuovo” contro il “vecchio”.

Da ciò deduciamo che le persone sono state più impressionate dalle misure che hanno adottato, piuttosto che il sentimento di astio verso i vecchi partiti politici. Molto probabilmente queste inserzioni sono state utilizzate anche come terreno di prova per capire che di tipo di linguaggio utilizzare per raggiungere più persone.

Giorgia Meloni: Politico e Leader del partito Fratelli D’Italia

Ritorniamo nell’ottica politica del centro destra ed andiamo ad analizzare un altro voto dell’attuale opposizione: Giorgia Meloni.
Anche lei ha una presenza molto attiva sui social network e scopriamo nel dettaglio l’amministrazione e la spesa della sua pagina Facebook.

Trasparenza della pagina Facebook: Giorgia Meloni
Trasparenza della pagina Facebook: Giorgia Meloni

In questo caso la gestione della pagina è affidata a 8 persone tutte provenienti dall’Italia ed al momento non ha inserzioni attive.

Pagina Facebook: Giorgia Meloni
Pagina Facebook: Giorgia Meloni

La pagina ha speso un totale di 42’085€ in inserzioni tra maggio 2019 e aprile 2020, stiamo parlando sempre di grosse cifre ma evidentemente sono delle spese che permettono di avere una visibilità giudicata vantaggiosa dal politico stesso e dal suo Social Media Manager.

Adesso andiamo ad analizzare sempre l’ultima inserzione effettuata:

Ultima inserzione della pagina Facebook: Giorgia Meloni
Ultima inserzione della pagina Facebook: Giorgia Meloni

Qui, abbiamo un caso totalmente differente dall’inserzione di Matteo Salvini; il contenuto è per mostrare il candidato del suo partito politico per le elezioni suppletive di Roma per il Collegio 1, ed ha speso una cifra compresa tra i 500€ e i 600€ arrivando a circa 380’000 persone (una media tra il minimo ed il massimo).

E’ molto interessante notare la scelta di non far vedere l’inserzione a tutto il paese, ma solo alla regione Lazio, perchè stava mostrando un contenuto molto legato all’area geografica.
Di conseguenza farla vedere anche al pubblico della Sicilia non avrebbe portato nessun tipo di vantaggio.

In questo caso l’inserzione è rivolta ad un pubblico molto specifico riducendo il target, mostrandolo solo alle persone che possono effettivamente avere un voto per quella campagna.

Correlazioni tra Partito Politico e Pubblicità

Cerchiamo di tirare le somme di ciò che abbiamo analizzato.
Facciamo un elenco in base alla spesa in inserzioni dei partiti analizzati:

  • Matteo Salvini (Lega): 255’112€
  • Partito Democratico: 153’265€
  • MoVimento 5 Stelle: 50’000€
  • Giorgia Meloni (Fratelli D’Italia): 42’085€

Adesso voglio mostrarvi un grafico provenienti da un sondaggio di YouTrend sull’apprezzamento dei partiti italiani.

Grafico a Torta dei Partiti Italiani

Impressionante non trovate? I partiti che hanno speso di più in campagne pubblicitarie sono anche quelli che hanno maggiore approvazione nei sondaggi.
Con questo non voglio assolutamente dire che i primi partiti in Italia sono tali solo perchè hanno fatto tante campagne pubblicitarie, sennò ci sarebbe Silvio Berlusconi al terzo posto con una spesa di 94’000 €, però è innegabile la correlazione che c’è tra “visibilità” e “approvazione” della gente.

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento e continua a seguire il blog e le pagine Instagram e Facebook del “Diario di un Futuro Ricco” per non perderti nuovi articoli e diventare anche tu un #futuroricco

Fondatore ed ideatore di questo blog. Aspirante life e business coach, appassionato di Scrittura, Economia e Finanza. Ha cominciato a scrivere prima ancora di imparare a parlare ed ama motivare gli altri a trovare la loro strada ed inseguire i loro sogni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: